ironguide

 

MAPPA DEL SITO

Home Page

DIDATTICA

IPERTESTS: DOMANDE SENZA RISPOSTE IN LABORATORIO

IL LIBRO DI PRIMO LEVI "IL SISTEMA PERIODICO DEGLI ELEMENTI"

TECNICHE PER LA SEPARAZIONE DI MISCUGLI

indagine SULLE ABITUDINI ALIMENTARI

PREPARAZIONE DELLA BIRRA

UNA LEZIONE AL SUPERMERCATO: LA SPESA DEGLI OGM

SCUOLA DI SPORT A SCUOLA: ESPERIENZE E MOVIMENTO

COMPITI DI CHIMICA E LINK A SITI DI DIDATTICA

MUSEO SCIENZE E TECNOLOGIA IIS PACINOTTI-ARCHIMEDE

didattica@ironguide.it

 

MONTAGNA E VIAGGI

la TRAVERSATA dei PIRENEI dall'atlantico al mediterraneo

L'ISOLA DI KARPATHOS DA SUD A NORD

IL cammino si San Francesco

tutta la svizzera dalL'Austria aLLA FranCIA

IL GRANDE ANELLO dei laghi di gokyo e del campo base dell'everest

Da portovecchio a porto  ATTRaverso tutta la corsica

la scitransimbruinica

nella foresta nera con gli sci

IN BICICLETTA DA BERLINO A COPENAGHEN

LA PRAGA - DRESDA E IL FIUME ELBA

sul sentiero dei re nella lapponia svedese CON GLI SCI

WEST SARDEGNA trekking

 

 

 

 

 

 

 

 

Gestore del sito è Elio Camerini attualmente docente di chimica presso l'ITIS GALILEI  di Roma, laureato in chimica, specializzato in Scienza dell'Alimentazione, abilitato all'insegnamento di Chimica, Chimica agraria, Scienze chimica e geografia e Scienza dell'Alimentazione, appassionato di informatica ed escursionismo.

RITORNO

Salgo (nello spazio, fuori dal tempo)

 

L'acqua il vento

la sanità delle prime cose-

Il lavoro umano sull'elemento

Liquido-la natura che conduce

strati di rocce su strati-il vento

Che scherza nella valle-ed ombra del vento

La nuvola-il lontano ammonimento

Del fiume nella valle-

E la rovina del contrafforte-la frana

La vittoria dell'elemento-il vento

Che scherza nella valle.

Su la lunghissima valle che sale in scale

La casetta di sasso sul faticoso verde:

La bianca immagine dell'elemento.

dai Canti Orfici di Dino Campana

 

۞ ۞ ۞ ۞ ۞ ۞ ۞ ۞ ۞ ۞ ۞ ۞ ۞ ۞ ۞ ۞

 

LA GUIDA DEL PARCO

La settimana prima avevamo pagato due contravvenzioni lietamente e familiarizzando con la guardia, per un piccolo ramoscello colto e per un cane che una signora si ostinava a condurre con sé, naturalmente al guinzaglio.

La guardia era figlio di una guida che tanti anni prima ci aveva accompagnato a vedere per la prima volta i camosci e poi a scendere dritto dalla Camosciara, abbracciando un albero dopo un altro albero tutti gli alberi miracolosi della prodigiosa parete. Sui camosci eravamo tanto increduli che quando lui guardava con il binocolo dicendo di vederli noi non chiedevamo neanche il binocolo per non metterlo in imbarazzo, pensando che il suo fosse solo un atteggiamento. Invece poi i camosci li scorgemmo veramente ma a due chilometri già fuggivano con esaltante devozione spandendosi a ventaglio fra le domestiche rocce.

Ora, a una settimana di distanza dalle contravvenzioni, eravamo alla fine della catena della Meta, verso il Passo dei Monaci, lontani dai luoghi degli abusi. Ma da una montagna, tutta verde e panoramica, giunse accompagnata dal vento una voce dall'odore sgradevole: "Ancora quel cane!". Era la stessa guardia. Avevamo ore di vantaggio da lui e ci scacciammo verso il buio di un bosco di faggi. Una fuga dalla vergogna. Qualsiasi disattenzione alle delicate ferree regole del Parco era una grossolana offesa alle guardie.

Le linee ed i colori dei monti, i prati ed i boschi che vagano tra le nuvole biancocelesti intrise di azzurro fondo e di grigiolucente, le persuadono ad essere nobili, decorando tutto quello che si avvicina a loro. Le guardie sono immuni dal cercare, ma quando si voltano e lanciano occhiate ed espressioni energiche ed orgogliose diffondono esse stesse la serenità della natura e la sua sincerità. Dimentico, ricordandole, alcune vispe guardie di altri monti che vanno in giro in camionetta, non scendono neanche per camminare 50 metri, gitanti che pranzano sul piano metallico della macchina, gente che con mille sudori si è coscienziosamente guadagnata la sedia a sdraio e la maglia leggera per prendere il sole e guardano straniti quelli che vanno tra i boschi ancora sudando: una vita di stenti. Le guardie che hanno conquistato un'auto, più cara della vista dello spazio della libertà la usano sino ai limiti del possibile: oltre questi limiti, seguitano ad usarla. Un giorno una guardia in camionetta, seduta senza uscire, domandava a noi se avevamo visto altri alberi abbattuti dal vento, lui ne vedeva uno solo, quello che gli impediva di progredire con la camionetta. Una intensa ritorsione provocatoria.

 

Da "Giro d'Abruzzo" vol.1

DIEGO DE SISTO - Ed. ZEMSI Pescara

copyright 2006-2016© ironguide