La colorazione che la fiamma del bunsen

assume se posta a contatto con sali contenenti

elementi metallici del I e II gruppo della

tabella periodica, attraverso un filo di

platino, ne permette l'individuazione

in analisi qualitative di miscugli incogniti