LE LEGGI DI LAVOISIER E PROUST

Hai eseguito la reazione:  AgNO3 + HCl = AgCl + HNO3 per dimostrare:

a)     la legge di Proust

b)     la legge di Lavoisier

c)     il principio di Avogadro

d)     la legge delle proporzioni multiple

 

Hai eseguito la reazione: AgNO3 + HCl = AgCl + HNO3 per dimostrare:

a)     la legge delle proporzioni definite

b)     la legge di Dalton

c)     il principio di Avogadro

d)     la legge di conservazione della massa

 

La definizione: “Nulla si crea e nulla si distrugge ma tutto si trasforma” è:

a)     riferita alla legge di Proust

b)     una frase “popolare” riferita alla legge di Lavoisier

c)     é stata pronunciata dall’attuale premio Nobel per la chimica

d)     riguarda la diffusione dei gas

 

Per verificare la legge di Proust hai usato il:

a)     il CuSO4 3H2O

b)     il CuSO4 4H2O

c)     il CuSO4 5H2O

d)     il CuSO4 2H2O

 

Durante il prolungato riscaldamento del CuSO45H2O, la sostanza:

a)     perde una parte delle molecole di H2O

b)     le acquista

c)     si trasforma in una sostanza diversa dal CuSO4

d)     si trasforma in CuSO4 anidro

 

Se in una classe ci sono 8 maschi e 4 femmine e in un’altra  ci sono 16 maschi e 8 femmine,

il rapporto maschi / femmine è 2. Quanto detto si riferisce alla legge:

a)     delle proporzioni multiple

b)     di conservazione della massa

c)     delle proporzioni definite

d)     di Lavoisier

 

Il rapporto CuSO4 / H2O viene determinato:

a)     in tutte le reazioni chimiche

b)     solo nelle reazioni in cui un reagente perde l’acqua di idratazione

c)     esclusivamente nella reazione di disidratazione del CuSO4 5H2O

d)     solo nelle reazioni che di idratazione

 

Il rapporto CuSO4 / H2O dovrebbe essere:

a)     uguale per tutti i gruppi

b)     diverso per tutti i gruppi

c)     uguale per tutti solo se sono state  pesate uguali quantità iniziali di CuSO45H2O

d)     diverso per tutti solo se sono state  pesate diverse quantità iniziali di CuSO45H2O

 

Il CuSO4  è stato messo a raffreddare nell’essiccatore per:

a)     completare la reazione

b)     farlo raffreddare più rapidamente

c)     essiccarlo meglio

d)     raffreddarlo al riparo dall’umidità dell’ambiente esterno

 

Per dimostrare la legge di Proust con una reazione è necessario:

a)      ripetere la stessa reazione almeno una volta

b)      ripetere la stessa reazione soltanto tre volte

c)      eseguire la reazione soltanto una volta

d)      calcolare soltanto il rapporto teorico di reazione

 

Per dimostrare la legge di Proust con una reazione è necessario:

a)      calcolare soltanto il rapporto teorico di reazione

b)      confrontare il rapporto teorico con quello ottenuto in laboratorio

c)      ripetere la stessa reazione almeno 10  volte

d)      valutare la precisione degli strumenti di misura

 

Per dimostrare la legge di Lavoiser è necessario dopo avere eseguito la reazione pesare:

a)      i prodotti senza la tara

b)      i reagenti senza la tara

c)      i prodotti con la tara

d)      i reagenti con la tara

 

Per dimostrare la legge di Lavoiser è necessario prima di avere eseguito la reazione pesare:

a)      i prodotti senza la tara

b)      i reagenti senza la tara

c)      i prodotti con la tara

d)      i reagenti con la tara

 

Nella procedura utilizzata nella esperienza per dimostrare la legge di Lavoiser è necessario versare il contenuto della soluz.1:

a)      in quello della soluz.2

b)      in quello della soluz.2 e poi lavare la provetta della soluz.1

c)      in una terza provetta

d)      in quello della soluz.2 e poi versare tutto in una terza provetta

 

Nella procedura utilizzata nella esperienza per dimostrare la legge di Lavoiser è necessario versare il contenuto della soluz. 2:

a)      in quello della soluz.1

b)      in quello della soluz.1 e poi lavare la provetta della soluz.2

c)      in una terza provetta

d)      in quello della soluz.1 e poi versare tutto in una terza provetta

 

Nella procedura utilizzata nella esperienza per dimostrare la legge di Lavoiser è necessario dopo avere unito le due soluzioni:

a)      osservare che sia avvenuta una reazione

b)      verificare che la soluzione ottenuta sia perfettamente limpida

c)      verificare che non ci sia stato sviluppo di gas

d)      agitare per molto tempo

 

Nella procedura utilizzata nella esperienza per dimostrare la legge di Lavoiser è necessario dopo avere unito le due soluzioni:

a)      pesare

b)      verificare che la soluzione ottenuta sia perfettamente limpida

c)      lavare la provetta rimasta vuota

d)      agitare per molto tempo

 

Nella procedura utilizzata nella esperienza per dimostrare la legge di Lavoiser è necessario prima di avere unito le due soluzioni:

a)      pesare le provette vuote

b)      pesare le provette vuote ed il becker che le contiene

c)      pesare solo il becker che le contiene

d)      verificare  che esse siano colorate

 

Nella procedura utilizzata nella esperienza per dimostrare la legge di Lavoiser è necessario prima di avere unito le due soluzioni:

a)      lavare le provette

b)      pesare la tara di tutti i contenitori utilizzati senza le soluzioni

c)      pesare  tutti i contenitori utilizzati contenenti già  le soluzioni

d)      tarare la bilancia

 

Se nella reazione utilizzata per dimostrare la legge di Lavoiser si osserva sviluppo di gas che si liberano nell’aria:

a)      non si potrà dimostrare la legge

b)      non si potrà dimostrare la legge solo in parte

c)      si dovrà ripetere l’esperienza

d)      si dovrà usare una bilancia molto sensibile

 

Se nella reazione utilizzata per dimostrare la legge di Lavoiser sappiamo che si otterrà sviluppo di vapori che si liberano nell’aria:

a)      non potremo dimostrare la legge di Lavoiser ma invece quella di Proust

b)      potremo dimostrare la legge solo in parte

c)      potremo dimostrare la legge ma solo se il gas sviluppato è ossigeno

d)      potremo dimostrare sia la legge di Lavoiser che quella di Proust

 

Nella reazione del Cu con ossigeno gassoso è opportuno:

a)      scaldare il rame in un becker

b)      non utilizzare la reticella del treppiede

c)      agitare continuamente la polvere nel crogiolo

d)      coprire il crogiolo

 

Per determinare il rapporto di reazione tra rame ed ossigeno è necessario determinare:

a)      prima la massa del CuO che si forma

b)      prima la massa dell’ ossigeno

c)      la massa del rame dopo la reazione

d)      la massa del CuO prima della reazione

 

Nella reazione del Mg con ossigeno gassoso è opportuno:

a)      agitare continuamente la polvere nel crogiolo

b)      coprire il crogiolo con un vetrino di orologio

c)      scaldare il magnesio in un becker

d)      non utilizzare la reticella del treppiede

 

Nella reazione del Cu con ossigeno gassoso è opportuno agitare continuamente la polvere nel crogiolo per:

a)      favorirne il riscaldamento

b)      eliminare impurezze eventualmente presenti

c)      favorire il contatto del Cu con l’ossigeno dell’aria

d)      impedire la formazione di altri ossidi di metalli

 

Nella reazione del Mg con ossigeno gassoso è opportuno coprire il crogiolo con un vetrino di orologio per:

a)      favorirne il riscaldamento

b)      eliminare impurezze eventualmente presenti

c)      impedire il contatto del Mg con l’ossigeno dell’aria

d)      impedire la dispersione allo stato di vapore di MgO che si forma