TUTTA LA SVIZZERA

A PIEDI ED IN FUNIVIA ATTRAVERSO LE ALPI SVIZZERE DAL CONFINE CON IL LICHTENSTEIN ALLA FRANCIA,

DALLA VALLE DEL RENO AL RODANO

 

TRAVERSATA COMPIUTA NEL LUGLIO-AGOSTO 2007

 

PER VISUALIZZARE IL PERCORSO SPOSTARE LA MAPPA CON I COMANDI

PER AVERE INFORMAZIONI CLICCARE SULLE ICONE ROSSE

 

 

 

 

 1-TRUBBACH (confine FL)- WEISSTANNEN

 

 2-WEISSTANNEN - ELM

 

 3-ELM - OBERERBS

 

 4-OBERERBS - URNERBODEN

 

 5-URNERBODEN - BRUGG

 

 6-BRUGG - ALPE BRUSTI

 

 7-ALPE BRUSTI - ALPE STAFELI

 

 8-ALPE STAFELI - INNERTKIRCHEN

 

 9-INNERTKIRCHEN - PASSO GROSSE SCHNEIDEGG

 

10-PASSO GROSSE SCHNEIDEGG - ROTSTOCK HUTTE

 

11-ROTSTOCK HUTTE - GODERLI

 

12-GODERLI - MIT HOLTZ

 

13-MIT HOLTZ - ADELBODEN

 

14-ADELBODEN - LENK

 

15-LENK - GSTEIG

 

16-GSTEIG - DEBORANCE

 

17-DEBORANCE - MONTHEY

 

18-MONTHEY - PASSO MORGINS (confine F)

 

 E' IMPORTANTE SAPERE CHE.....

L' itinerario coincide per lunghi tratti con la "Via Alpina" ed è ricco di punti sosta per mangiare, dormire e con segnalazioni quasi sempre impeccabili. Inoltre i punti di partenza, di arrivo e più o meno tutto l'itinerario, sono intrecciati con linee di autobus efficientissime e linee ferroviarie,  con cui poter partire definitivamente o raggiungere villaggi distanti dalla linea di percorso scelta, per eventuali pernottamenti più economici o per i rifornimenti. Per percorrere alcuni tratti inoltre è possibile (e molto divertente e riposante) utilizzare funivie, seggiovie, ovovie e cremagliere (per la precisione sono stati utilizzati nella traversata descritta solo trasporti che fossero alimentati elettricamente e che non godessero di una motrice autonoma) riuscendo così ad attraversare tutto l'arco alpino svizzero in meno di 20 giorni senza interruzioni. La traversata risulta perciò complessivamente abbastanza facile. C'è da considerare comunque che le caratteristiche geografiche  e climatiche del territorio svizzero rendono più difficile la percorribilità dei sentieri, sopratutto quelli su versanti montani esposti a nord e che comportano il superamento di passi oltre i 2000-2500 m. di quota. Infatti anche in estate il transito può essere difficile in caso di forti nevicate. Spesso può essere necessario progettare varianti di valle perché la neve fresca e le temperature estive relativamente miti renderebbero necessario l'uso delle ciaspole per percorrere i sentieri alle quote più elevate.

Per i pernottamenti sono stati utilizzati i così detti "turistenlager" ossia stanze a più letti, simili a quelli dei rifugi o delle gite d'ètape francesi, del tutto simili anche nei costi, annessi a strutture di tipo alberghiero classico ove è possibile anche cenare e fare colazione.

 

 

Home ironguide

copyright 2006-2015© ironguide